39I principali venti che interessano le regioni italiane comprendono:

  • la tramontana, un vento freddo che spira da Nord, specialmente in inverno;
  • il grecale, vento invernale che soffia da Nord-Est e che interessa il mar Ionio;
  • lo scirocco, vento caldo che spira da Sud provenendo dal Sahara, che attraversa il Mediterraneo caricandosi di umidità e spesso apportando piogge;
  • il libeccio, vento caldo e umido che spira da Sud-Ovest provenendo dalla Libia;
  • il maestrale, vento freddo e secco di Nord-Ovest, che proviene dalla vallata del Rodano, in Francia, spingendosi fino alle coste della Sardegna.

Altri venti locali particolari sono:

  • la bora, un vento freddo di Nord-Est di particolare intensità (può superare i 120 Km\h), che batte le coste dell’Adriatico settentrionale, interessando in particolare la zona di Trieste;
  • il fohen, un vento caldo e secco che si sviluppa attraverso l’arco alpino, quando in zone poste a Nord e a Sud delle Alpi si stabiliscono particolari squilibri di pressione; si dirige da Nord a Sud quando sussiste alta pressione a settentrione (Svizzera, Tirolo) e bassa pressione a meridione in corrispondenza della Pianura Padana; quando il vento incontra il versante alpino settentrionale è costretto a salire e ad espandersi, in quanto diminuisce la pressione atmosferica: in seguito alla rapida espansione si raffredda ,perde umidità per il formarsi di precipitazioni e,superata la sommità del rilievo,scende come vento secco lungo il versante meridionale riscaldandosi per compressione; il foehn diventa pericoloso  a primavera perché favorisce la formazione di slavine.

Category: Scienze

About the Author


Comments are closed.


Puoi seguirci anche su…

       

Categorie


agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  


 
Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)